Gp degli Stati Uniti, le pagelle

Vi propongo qualche estratto delle pagelle del Gp degli Stati Uniti da me curate per BlogF1.it.

Immagine

Una gara barbosa in cui ha dominato (indovinate un po’…) Sebastian Vettel, che, dopo l’ennesimo hat trick, viaggia a spron battuto verso il record di 13 vittorie in campionato detenuto dal buon vecchio zio Schumi dal lontano 2004. Chissà che Felipe Massa, illuminato dall’esaltazione casalinga, a Interlagos non tiri fuori la gara della vita per riscattare una stagione inconsistente e rovinare la festa al tedesco (niente da fare, sono un’inguaribile sognatrice…)

Lewis Hamilton 6,5 E’ ancora l’ombra del cacciatore di taglie che conosciamo, quello che punta con freddezza l’avversario e lo infila nel punto più imprevedibile della pista con precisione millimetrica. Ma, nel fine settimana in cui le Pirelli “sono le peggiori portate qui da inizio stagione” – parole sue- Lewis supera il nervosismo della prima parte di gara: si porta a casa un risultato migliore delle aspettative, che consente alla Mercedes di allungare in classifica sulla Ferrari. UNA LUCE IN FONDO AL TUNNEL

 

Fernando Alonso 9 Se gli uomini in Rosso non vedono l’ora che appaia la scritta GAME OVER per mettere fine allo strazio di questo finale di stagione 2013, il Nando Nazionale, messa in soffitta la polemica facile, è tornato a fare quello per cui la gente lo ama: il trascinatore. Della squadra, della marea rossa, di una F138 che da Cavallino Rampante sembra trasformatasi in un mulo testardo. Alonso parte male dal lato sporco, ma niente paura. Lo spagnolo gestisce in maniera certosina le sue White Medium e, al ritorno in pista dal pit stop, suona la carica: spietato il doppio sorpasso ai danni delle Sauber alla curva 1, l’asturiano quasi quasi fa prendere un coccolone a Lewis Hamilton, prima che le gomme lo piantino. SENZA MACCHIA

 

Vallteri Bottas 8 Alla fine arrivano quei punti tanto anelati. Su una Williams che ritrova se stessa tornando all’antico (magari a pensarci prima…), il finlandese, fresco di riconferma, fa tutto bene nel weekend statunitense: concreta la qualifica, solidissima la gara. E i commenti al curaro di Pastor Maldonado? Non ti curar di lui, ma SFRECCIA E PASSA

Invitandovi a leggere il resto a questo link -caro Davide, se mi leggi, so che apprezzerai la specifica =D , spero altresì che la fandom di Lewis Hamilton inauguri il tentativo di linciaggio anche su questo mio spazio personale: sarebbe molto interessante e costruttivo potervi rispondere uno per uno.

vettel buffo gp usa