i Love Silly Season – breve introduzione

Nel nostro futuro c’è una sola certezza.

Il buco dell’ozono ci ingoierà?

Un meteorite ci colpirà?

Il sovrappopolamento ci porterà a massacrarci tutti e a nutrirci a vicenda?

No.

L’unica verità da tramandare ai posteri è che..

Mark Webber lascerà la Formula1 a fine anno.

Dopo Interlagos, Cenerentolo, la mascella più simpatica del Circus, lascia la Redbull e tutti i compagni di avventura, per approdare nella World Endurance Series, in Porsche.

webber-porsche

E se questa è una certezza del mercato piloti 2014, tutto il resto è Silly Season.

Inauguro così – dopo un mese di silenzio, costretta dal maltempo che sembra infesterà la mia ultima settimana di ferie (ultima di due, per inciso) – l’avvicinamento al Gp di Spa Francorchamps (il mio preferito) e la prima candelina di questo assai poco aggiornato angolo di web.

E siccome voglio fare un dispetto a quelli di Autosprint, e a questo articolo snobbissimo —> http://autosprint.corrieredellosport.it/2013/08/17/piccole-follie-destate/9621/

che spara a zero sulle testate di Formula1 online, per poi scopiazzarne le notizie…

(un messaggio per voi, carissimi di Autosprint: non è che siccome vi pagano quando scrivete e potete dedicarvi anima e corpo a partorire un articolo al giorno, permettendovi pure le ferie -pagate-, ce l’avete più grosso di tutti coloro che scrivono sul web aggratis e con più costanza di voi. Se non vi sta bene quello che leggete, potete, con la benedizione degli internauti, chiudere browser e pc, e andare a prendervela con la fame nel mondo. O con il surriscaldamento globale)

 

…vorrei dedicare anche io qualche post alle folli voci di mercato che si sono rincorse da quando, a fine giugno, il buon Mark ha annunciato che avrebbe mollato il dorato sedile. Voci che si sono moltiplicate in questo agosto di astinenza dalla Formula1, soprattutto dopo le amabili esternazioni di Fernando Alonso e le altrettanto cortesi repliche del presidentissimo Montezemolo.

Ricordatevi che, in Formula1, chi si ferma è perduto.

Alonso raikkonen

E, nonostante le apparenze, lui è quello che si sta riposando meno.