Proteste popolari contro il Gp del Bahrain di Formula1

Proteste Bahrain

Nel caldo desertico del Bahrain non vedremo mai degli acquazzoni. Ma basta dare un’occhiata al video all’interno per vedere delle piogge.. di lacrimogeni. La monarchia sunnita del piccolo stato continua la repressione contro le proteste popolari, adesso rivolte contro il Granpremio di Formula1. E mentre il dibattito sull’opportunità di annullare la gara si fa pressante, Bernie Ecclestone fa orecchio da mercante. Vediamo insieme perchè.. Continue reading

Gp della Cina, 10 anni di vittorie in foto

Trionfo della Ferrari di Fernando Alonso nel Gp di Cina del 2013. Colto un ottimo spunto in partenza, Alonso dimostra un passo gara superiore e raggiunge il vertice della corsa nei primi giri, superando Lewis Hamilton partito in pole. L'asturiano, supportato da una strategia di cambi gomme intelligente, conduce la gara con autorevolezza e costanza.

Sul gradino più alto del podio del Gp della Cina si sono alternati tutti i campioni del mondo che oggi si stanno battendo per il mondiale 2013: Alonso, Raikkonen, Button, Vettel, Hamilton. Ma non sono mancati trionfi storici: come l’ultima gara vinta in carriera da Michael Schumacher, nel 2006, prima del ritiro; o la prima edizione, nel 2004, che fu tutta di Rubens Barrichello, l’eterno secondo del Cavallino Rampante. Se volete farvi un pianterello e rimembrare tempi andati che chissà se mai torneranno, cliccate sul link per dare un’occhiata alla foto-gallery. Io sono qui con una scatola di Kleenex. Continue reading

Gp di Cina, o del grande ritorno di Alonso

tumblr_ml8p2gszId1s585a8o2_500

Frizzante. E’ stato così il Gp della Cina 2013. Tanti i sorpassi. Una decina quelli di Fernando Alonso, che, con autorevolezza e senza neppure troppo affanno, ha riportato la Ferrari sul gradino più alto del podio dopo 12 gp di digiuno. Seguono Raikkonen su Lotus e Hamilton su Mercedes, quasi beffato sul traguardo dal ritorno di Sebastian Vettel. Un grazie vanno anche al DRS e alle Pirelli.. leggete il resto per capire perchè Continue reading